<< GLADIATOR  
Articolo comparso su:
Aggiornamenti ed integrazioni al Vol.I di Silvano Baraldi Maggio 2002

Quando nel 1966 si sciolse la società, la Everol si trasferì in Liguria e Sergio Riccò continuò a costruire mulinelli da traina in Emilia con il marchio GLADIATOR.

Albatros Italcanna

Nel 1974 si forma la società di fatto GLADIATOR di D'OLIVO Carlo & RICCO' Sergio, via Boccaccini 4, Campogalliano (MO), con uffici e deposito a Segromigno in Monte, Capannori (Lucca).
Nello stesso anno viene costruito il primo mulinello al mondo con segnalatore acustico di ferrata (azionando la sirena di bordo) e insieme all'ITALCANNA cominciano i successi nei campionati nazionali, europei e mondiali: 1° premio Spoga Koln 1979.
Negli anni che seguirono vennero stretti accordi di produzione, prima con la OFMER ( GLADIATOR firmato Rossetti , pag.129 Vol.I ) ed in seguito con la BAGMA.
Attualmente, i mulinelli GLADIATOR prodotti dalla ditta ITALCANNA, che probabilmente diventeranno oggetti da collezione tra qualche decina d'anni, sono i modelli: 2,5/0,  4/0,  6/0,  9/0, 12/0 a una o due velocità. .

GLADIATOR 12/0 con segnalatore acustico
Albatros
 
GLADIATOR anni '80
Albatros
 
GLADIATOR ITALCANNA
Albatros
 
GLADIATOR ITALCANNA , two speed
Albatros
 

Storia del Gladiator secondo ITALCANNA (sito: www.italcanna.com)
Il Mulinello Gladiator nacque dalla volontà e da un progetto dell'esperto tecnico Sergio Riccò, nato a Modena ma emigrato ben presto in Venezuela.
Rientrato in Italia alla fine degli anni '60, la sua passione per il mare abbinata ad alcune esperienze di pesca d'altura venezuelane, visto che in quegli anni c'era mancanza di prodotti specifici per il Big Game, lo inducono a progettare e costruire il mulinello Gladiator.
Dopo qualche anno di prove (a cui fece seguito la domanda di brevetto nr. 31039) e a ottimi risultati pratici, iniziò la produzione del Gladiator affiancato anche da altri collaboratori.
Qualche tempo dopo il sig. Riccò pensò di contattare Carlo D'Olivo presidente della Italcanna per migliorare la diffusione commerciale del prodotto e poco dopo negli anni 70 il Sig. D'Olivo entra personalmente a far parte della società Gladiator per poi rilevarla completamente qualche anno dopo alla scomparsa dell'amico Sergio.
Per tutti questi anni la società Gladiator ha prodotto attrezzature altamente specializzate per la pesca d'altura come anelli, manici ecc.
Il marchio Gladiator si è nel tempo sempre distinto per semplicità di funzionamento ed eleganza, ed è stato il primo mulinello al mondo ad integrare un segnalatore acustico a contatto elettrico di ferrata (poteva azionare la sirena di bordo od altro mezzo elettrico - 1° premio Spoga Koln 1979 - Germania).
Negli anni successivi a causa di una forte richiesta di prodotto furono fatti anche accordi di produzione con altre aziende che ne migliorarono ulteriormente il livello qualitativo.
Il mulinello GLADIATOR è il perfetto connubio per le canne Italcanna,
insieme hanno conquistato negli anni numerosi campionati Italiani, Europei e Mondiali (come visibili nell'area news) oltre a diversi records di cattura.
Tecnica, esperienza ma anche profonda passione per la pesca in mare sono quindi alla base di un mulinello Gladiator che viene oggi realizzato in lega anticorrosione ed acciaio inox (su cuscinetti ad alta velocità) e costituisce un vero punto di forza sul mercato per leggerezza, prestazioni ed affidabilità.
Ogni singolo componente progettato al computer è realizzato poi su centri di lavoro di estrema precisione. Usandolo potrete apprezzare l'innovativo sistema di non ritorno della leva (mediante ruota libera) e la facile regolazione di una frizione in carbonio guidata da una camma che non consente errori per troppo serraggio o parrucche dovute allo sblocco totale della bobina.
La particolare maniglia ergonomica decentrata, in abs rinforzato, consente non solo di impugnarla meglio ma anche di facilitarne la presa perché sempre in verticale oltre a trasmette più potenza all'asse.
L'eleganza dei contrasti nichel / anticorodal è esaltata da incisioni al laser che non si scolorano o affievoliscono nel tempo.

Italcanna
1° premio Spoga Koln 1979
 
Italcanna
Famiglia D'Olivo titolare della ITALCANNA
 
Devo ringraziare Gian Marco D'olivo della ITALCANNA
per le informazioni che gentilmente mi ha voluto concedere.
 

Appunti personali.
Devo ammettere che questa storia è davvero complicata sono mesi che mi scervello nel tentativo di mettere ordine alle informazioni che spesso sono contrastanti e che faticosamente sono riuscito a raccogliere.
Proverò dopo aver pubblicato i documenti in mio possesso, per non alterare ciò che mi è stato trasmesso, a descrivere il tutto solo in base ad un mio esame scrupoloso e alla mia esperienza.
La storia a mio parere inizia nella seconda metà degli anni cinquanta quando l'avvocato Elio Veroli appassionato di pesca chiese al Riccò, esperto attrezzista, di costruire i primi prototipi. Con lui molto probabilmente operava anche Gianni Sganzerla, così nacque la EVEROL.
Mi piace immaginare che il merito del successo di questi primi esemplari si possa dividere equamente tra due persone geniali e capaci di realizzare dei prodotti che ancora oggi sono ineguagliati.
Quando nel 1966 si sciolse la società, la EVEROL si trasferì in Liguria e Sergio Riccò continuò a costruire mulinelli da Big Game in Emilia con il marchio GLADIATOR.
Nel 1970, Riccò penso di contattare Carlo D'Olivo presidente della ITALCANNA per una collaborazione commerciale del prodotto e poco dopo nel 1973, D'Olivo entra personalmente a far parte della società con il 50% delle quote.
Per la produzione, vennero contattate la Everol, che rifiutò per l'impossibilità materiale di costruire per terzi e l'emblematica società francese BAGMA (della quale non sono riuscito ad ottenere alcuna notizia). Questa aveva già acquisito il marchio OFMER che era tra le poche aziende Italiane in grado di realizzare mulinelli, inoltre, era autorizzata a impiegare il marchio GLADIATOR per i suoi prodotti ( ho saputo inoltre che BAGMA potesse adoperare anche il marchio Mitchell) purtroppo per questa ed altre informazioni mi sono stati negati i documenti.
Negli anni ottanta, la BAGMA-OFMER cessò la collaborazione con GLADIATOR e gli vennero ritirati sia gli stampi che gli stock di magazzino. Nell'agosto del 1998, muore Sergio Riccò quindi ITALCANNA acquisisce il 100% del marchio e ne continua tuttora brillantemente la commercializzazione.
Per la realizzazione dei mulinelli, dopo la BAGMA (OFMER), venne incaricata la società ALUTECNOS (nella mia attività di riparatore ho potuto verificare che all'interno dei Gladiator si trovava il marchio ALUTECNOS), credo inoltre che ITALCANNA abbia concesso a ALUTECNOS di riprodurre alcuni suoi modelli; in ogni caso ITALCANNA non ha mai prodotto mulinelli ma ne è da sempre un distributore.
Una curiosità; durante questa estenuante ricerca mi sono imbattuto in un quesito; non so quanti di voi hanno notato che il marchio ITALCANNA è simile a quello della GLADIATOR. Mi è stato detto che la somiglianza deriva dal fatto che ITALCANNA e GLADIATOR sono la stessa cosa, ma se GLADIATOR esisteva già dal 1958 allora è stata ITALCANNA a adattare il suo logo?
Come avete potuto intuire da questo lungo approfondimento, in questa storia sono state coinvolte tutte le maggiori case produttrici di mulinelli da big-game italiane.
Vi assicuro che non è stato facile, a causa delle scarse informazioni o delle reticenze e anche per l'assenza di collaborazioni di altri. Tentare di far luce sulla storia della nostra produzione, è difficilissimo.
Voglio ringraziare quelli che mi hanno aiutato e biasimare quelli che invece hanno fatto scelte diverse in ogni caso io non demordo.
La storia continua…..

Vedi anche:
 
Renzo Di Paolo - Ottobre 2019    
Articoli vari
Marchi ITALIANI
Accessori Pesca
Mulinelli ESTERI
Visualizza gli ultimi inserimenti
Richiedi informazioni
Eventi del settore
Libri di riferimento
Link siti web amici
HOME   -   CONTATTACI    -   RICONOSCENZE   -  AVVISI VARI  -  NOTE LEGALI
 

ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE)
Cod. Fisc 95157730102


www.antipes.it

 
 
realizzazione web Sergio Di Marco - 2012 / 2019
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.