Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
<< ITTIOPIGLIO  
La parola ITTIOPIGLIO è formata dalla voce greca < ICTZUS > che significa pesce e < PIGLIO > cioè prendo con forza e con rapidità.
Con queste prerogative l'inventore ha voluto battezzare questo mulinello.
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
Innanzi tutto ho il dovere di ringraziare ancora una volta l'Amico collezionista e grande esperto Giovanni Becagli, perché senza la sua generosità e audacia, dimostrata nel affidarmi il suo prezioso esemplare corredato anche di documenti tutto ciò non sarebbe stato possibile.
Questo meccanismo venne realizzato nelle Officine di Ottorino Fumagalli a Maggianico di Lecco.
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
 
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
Passiamo al rituale della descrizione di questo intricato congegno:
La relazione presente nei documenti, introduce questo attrezzo come MULINELLO SEMI – AUTOMATICO PER LA PESCA A FONDO SENZA CANNA.
 
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
 
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
 
Ittiopiglio
 
Cercherò in breve di esporre il funzionamento utilizzando le descrizioni originali: Da libretto: l'ittiopiglio è fatto esclusivamente per la pesca a fondo in acque ferme: laghi, anse dei fiumi, mare. Ottimo per la pesca notturna.
E' evidente che non va montato su di una canna dunque non essendo atto al lancio, l'esca va "scagliata" a mano. La sua caratteristica principale è appunto quella di essere semiautomatico, con autonomia pari a trenta metri di filo; la rimanente quantità di filo può essere impiegata mediante la manovella. Questo meccanismo ha la prerogativa di scattare "infallibilmente" al momento opportuno, quando il pesce abbocca l'amo, grazie ad un sensibilissimo dispositivo. Si noti, quando il mulinello è approntato, che il tratto di filo compreso fra il gancio dell'asta e il guidafilo, che l'asta stessa abbassandosi allenta e che l'apparecchio cominciando ad agire, istantaneamente recupera attirandolo a se. La bobina è prevista di frizione, la quale convenientemente regolata, impedisce al filo di spezzarsi.
Nella l'immagine che segue, tratta dal libretto di istruzioni, si nota l'utilizzo di una pietra per trattenere il meccanismo, in caso di catture importanti. Nel manuale si legge La pietra o altro grave da mettere sull'assicella deve avere il peso di Kg 1 ½. Viene spontaneo immaginare, non essendo scontato che questa (pietra) si possa recuperare sul posto, diventava indispensabile portarla con se.
 
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
 
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
 
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
Dalla numerazione presente nel piede dei due esemplari si deduce che la colorazione in grigio ( n. 6) evidentemente fa parte delle prime versioni mentre il grigio martellato ( n. 460 6) rientra nelle versioni successive .
Ittiopiglio - vecchio mulinello italiano
 
Note: Devo confessare che ho voluto a tutti i costi testare il funzionamento di questo attrezzo avvalendomi del libretto di istruzioni e mi sono reso conto che difficilmente quelli che lo posseggono hanno potuto provare le mia stessa emozione senza la guida e comunque non è facile evidenziarne le caratteristiche.
 
Renzo Di Paolo - Febbraio 2024

Scheda Tecnica

peso 850g
rapporto automatico
ingranaggi molti
anti-ritorno no
bobina plastica
colore grigio / grigio martellato
note
  • mulinello semiautomatico raro
Visualizza gli ultimi inserimenti
HOME  CONTATTACI / CONTACT US  -  RICONOSCENE / ACKNOWLEDGMENTS  -  AVVISI VARI / VARIOUS NOTICES  -  NOTE LEGALI / LEGAL NOTES
 

ASSOCIAZIONE COLLEZIONISTI ANTICHE ATTREZZATURE DA PESCA
ASSOCIATION OF ANCIENT COLLECTORS FISHING EQUIPMENT

Via Trento, 4 - 16018 - MIGNANEGO (GE) ITALIA
Cod. Fisc 95157730102

www.antipes.it

 
Realizzazione web: Sergio Di Marco - Sito attivo dal 2012
 

Informazioni relative al funzionamento della "memoria cache".

E' consigliabile sempre forzare il browser web a ricaricare, tramite il tasto funzione "F5" (refresh della memoria cache), le pagine che si stanno visualizzando dal proprio computer (per alcuni browser è necessario la combinazione: Ctrl + F5).
Memorizzare le informazioni relative alla navigazione web nella cache del computer permette di accedere molto più velocemente fra le pagine che si visitano più di frequente. Tuttavia, è possibile però che la versione del contenuto web che si sta visualizzando non sia quello più aggiornato.
Questo accade perché il browser web continua a caricare alcune informazioni dalla cache del computer anziché  dalle pagine web disponibili. Forzando il browser a caricare le informazioni direttamente dalla fonte web (refresh cache) permetterà di  visualizzare i contenuti realmente disponibili.